Trattamenti Psicologici

I trattamenti psicologici svolti presso il nostro studio sono: la consulenza psicologica, il sostegno psicologico, il potenziamento cognitivo, la psicoterapia per età evolutiva e per adulti.

La consulenza psicologica consiste in un intervento di breve durata (pochi colloqui) può rivolgersi ad una singola persona, alla coppia e alla famiglia. Lo scopo della consulenza psicologica è accogliere la domanda del soggetto che ne fa richiesta e fornirgli informazioni, nonché un aiuto per trovare le soluzioni, al fine di migliorarne la qualità della vita. Generalmente si risolvono con una consulenza psicologica problematiche temporanee che creano un lieve disagio. La consulenza psicologica può includere la valutazione psicologica.

consulenzasostegno

Il sostegno psicologico è un intervento che richiede più incontri e viene rivolto a persone che vivono un periodo di crisi, di disagio, che sviluppano sintomi non inquadrabili in un disturbo psicopatologico, che richiede un intervento di psicoterapia.

Si può richiedere una consulenza psicologica con un eventuale supporto psicologico in momenti cruciali della vita naturali o imprevisti come la perdita di una persona cara, il licenziamento, una malattia, il passaggio dall’adolescenza all’eta adulta, il matrimonio, la genitorialità, i quali possono coglierci impreparati, creando momenti di disagio ed empasse.

 

Lo psicologo aiuta la persona ad affrontare le difficoltà, individuando attraverso le risorse possedute soluzioni per un nuovo equilibrio.

La psicoterapia è un percorso finalizzato alla cura dei disturbi psicologici (per es. disturbi d’ansia, disturbi dell’umore) che non possono essere curati con il sostegno psicologico, ma richiedono un intervento sul problema stesso e su ciò che lo ha causato e mantenuto nel tempo, al fine di ridurlo/eliminarlo. È rivolta a bambini, adolescenti e adulti. Generalmente ha frequenza settimanale ed è svolta da un professionista che ha frequentato una scuola quadriennale di specializzazione in psicoterapia.

Nello specifico la psicoterapia cognitivo comportamentale è una terapia validata scientificamente che utilizza tecniche cognitive (che agiscono sui processi di pensiero) e comportamentali (che agiscono sul comportamento) al fine di diminuire o eliminare il problema presentato.

Essa postula una relazione tra pensieri, emozioni e comportamenti evidenziando come il problema emotivo dipenda da convinzioni disfunzionali che si mantengono nel tempo. Il terapeuta aiuta la persona a comprendere sia la causa iniziale del suo malessere, che il suo mantenimento nel tempo ed insegna procedure e strategie per eliminare o diminuire i propri stati di disagio agendo sui processi emotivi, cognitivi e comportamentali.

Le aree di intervento di cui mi occupo riguardano l’età evolutiva (bambini, adolescenti) e gli adulti.

1 1PSICOTERAPIA in età evolutiva:

  • disturbi d’ansia

  • difficoltà relazionali

  • disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD)

  • disturbi del comportamento

PSICOTERAPIA per adulti:

  • disturbi d’ansia;

  • disturbi dell’umore;

  • disturbi del comportamento alimentare;

  • disturbi di dipendenza;

  • disturbi di personalità.

Il potenziamento cognitivo è costituito dall’insieme degli interventi volti a favorire e promuovere l’acquisizione e il normale sviluppo di una funzione non comparsa al meglio. Il concetto di potenziamento cognitivo affonda le radici nella letteratura sull’intelligenza potenziale. Esso mira a valorizzare il potenziale (capacità interne), di cui si è spesso inconsapevoli e a favorire l’apprendimento di abilità assenti nel repertorio comportamentale e cognitivo del soggetto.

Il processo è composto dai seguenti step:

  • valutazione iniziale attuata con l’uso di test specifici per individuare le aree carenti nel profilo del bambino/ragazzo;

  • programmazione e attuazione di un intervento mirato a promuovere l’acquisizione del meccanismo deficitario;

  • valutazione dell’efficacia dell’intervento attraverso la ri somministrazione dei test utilizzati nella valutazione iniziale.

potenziamento

L’intervento di potenziamento cognitivo riguarda:

  • le funzioni esecutive (attenzione, controllo degli impulsi, memoria di lavoro, pianificazione e risoluzione dei problemi), che possono essere compromesse in bambini/ragazzi con difficoltà scolastiche e/o Disturbi Specifici dell’Apprendimento.

  • I prerequisiti per l’apprendimento di letto scrittura e matematica la cui acquisizione è necessaria per l’ingresso nella scuola primaria;

  • Le strategie di studio efficace per alunni e studenti al fine di prevenire l’insuccesso scolastico e favorire lo sviluppo di autostima ed autoefficacia.

Lo scopo del potenziamento cognitivo è la conoscenza da parte del soggetto delle proprie caratteristiche di funzionamento (metacognizione), in modo da adattarle al contesto e al compito e quindi sviluppare un atteggiamento motivato verso il contesto scolastico e lo studio. 

Altro in questa categoria: Trattamenti Neuro e Psicomotori »